In evidenza
Login
User:
Password:


07/04/2019

NAPOLI-APPUNTI DI VIAGGIO

APPUNTI DI VIAGGIO Quattro giorni alla scoperta di una delle città più belle del mondo: Napoli. Dal primo al 4 aprile, grazie alla impareggiabile competenza della nostra guida Dott. Lorenzo Mantile, noi e i nostri ragazzi di Chiusi e Montepulciano siamo stati introdotti alla scoperta sia delle “meraviglie” nascoste della Città che ha preso vita dalla leggendaria sirena Partenope, sia degli aspetti rinnovati di una città che ha deciso di non lasciarsi catturare dalla nostalgia del passato, ma di proiettarsi verso il futuro e la modernità, come nel caso della Città della Scienza. Infatti, dall’incanto del “Doriforo” del Museo Archeologico Nazionale siamo stati poi catturati dal fascino misterioso e inquietante del celebre Cristo velato della Cappella di San Severo ; in successione abbiamo ammirato la chiesa gotica di Santa Chiara fino a percorrere pieni di stupore infantile San Gregorio Armeno, la famosa strada dei pastori dell’ originale e unica arte presepiale che solo Napoli sa creare. Qui abbiamo conosciuto Marco Ferrigno. Entrando nel suo laboratorio ci si perde immediatamente tra le articolate costruzioni scenografiche dei Presepi e la varietà dei personaggi in terracotta che riempiono la bottega in ogni suo spazio ed ognuno ha un suo significato e una sua storia. Una piccola scala di legno ci ha condotti al piano superiore dove siamo stati accolti da grandi figure che rappresentano pescatori, artigiani, angeli e personaggi della nostra contemporaneità, che fanno singolare e ironica compagnia a quelli della tradizione dell’arte del Presepe napoletano. Da Piazza del Municipio abbiamo ammirato il Maschio Angioino e la passeggiata è continuata in direzione della Galleria Umberto I fino ad arrivare a Piazza del Plebiscito, dove sono disposti con grande senso scenografico il famoso Gran Caffè Gambrinus, il Palazzo della Prefettura ed il bellissimo Palazzo Reale. Storditi prima dalla bellezza degli interni del Palazzo Reale e proseguendo poi per via Caracciolo, siamo arrivati al Castel dell’Ovo e da lì in Piazza Municipio per incontrare il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che ha accolto con la proverbiale ospitalità partenopea i nostri ragazzi e le loro domande, rispondendo a tutte con cordiale puntualità e donando, al termine dell’incontro, una medaglia ricordo. Altri tre momenti importanti e suggestivi della nostra scoperta della città sono state le visite alle Gallerie Borboniche, agli scavi di Pompei e alla Fondazione “ ‘A voce d’e Creature” in cui abbiamo ritrovato, con immenso piacere, Don Luigi Merola nella sede storica di “Villa di Bambù”, confiscata alla criminalità organizzata e data in comodato d'uso gratuito alla Fondazione stessa. Non potevamo mancare l’appuntamento con Castel S. Elmo, Piazza Vanvitelli e via Posillipo, da cui abbiamo potuto ammirare il suggestivo panorama del Golfo di Napoli visto dall’ alto. Il viaggio è terminato con la visita alla Città della Scienza. Qui abbiamo visitato le sue mirabolanti installazioni: Corporea - che rappresenta il primo museo interattivo in Europa - , il Planetario ed il Laboratorio di Scienze della Terra ,“ Terremoti: come e perché”. Naturalmente non si può elencare tutto quello che abbiamo avuto la possibilità di ammirare … e non si possono elencare neppure le emozioni che questa magica città ti lascia dentro con i suoi profumi, con i suoi sapori , con il suo mare, con i suoi vicoli pieni di gente e di traffico, con la grande ospitalità di questo “popolo” che ti accoglie in un abbraccio avvolgente che ti lascia senza respiro e con cui è così naturale “ conoscersi” , cosi come è stato facile conoscere Gaetano, un vero “ scugnizzo napoletano” dei quartieri spagnoli , di otto anni che, con inaspettata intraprendenza ci ha detto “ professoress ata purtà via e’ vostri alunni, ra qui perché a’ mia scuola è fernuta e io voglio’ gioca’ a pallone cu e’ miei amici”. Che dire? Grazie a tutti. Al Sindaco di Napoli, a Don Luigi Merola, a Marco Ferrigno, al Dott. Lorenzo Mantile, all’ agenzia Viaggi di Bianca Palombo, all’albergo che ci ha ospitati ed un grande grazie al nostro Dirigente Scolastico, Prof. Marra Sergio, che ha organizzato questo splendido viaggio e, da squisito “ padrone di casa”, ci ha amorevolmente seguito in tutti i nostri spostamenti . E ci piace concludere con un aforisma di Luciano De Crescenzo che condividiamo : “Dovunque sono andato nel mondo ho visto che c’era bisogno di un poco di Napoli.”